Prepara bene il tuo ecommerce ai picchi di traffico e acquisti

Stagione di acquisti, soprattutto online: da qui fino a Natale e proseguendo con i saldi di gennaio, migliaia di ecommerce saranno sottoposti ad un vero stress test. Gli aumenti delle visite al sito e delle chiamate al server, il caricamento continuo di immagini e video, le ricerche dei prodotti, il calcolo dei costi di spedizione, sono elementi che appesantiscono molto il sistema.

Tutto questo può influire sensibilmente sull’esperienza utente perché impatta negativamente sulla velocità di caricamento della pagine o, caso peggiore, sul flusso di check out. Con conseguenze dirette sugli acquisti e sul business.

Un sito lento abbatte le vendite

Secondo una ricerca di Retail System Research (RSR) infatti, in caso di lentezza di caricamento l’87% degli acquirenti non aspetterà che l’e-commerce si carichi – l’aspettativa è di massimo 4 secondi. Inoltre, durante un acquisto su un sito lento, il 53% degli utenti dichiara di voler abbandonare la navigazione e di cercare lo stesso prodotto presso un brand equivalente – ovvero un competitor – mentre il 39% si rivolge ad Amazon.

Tutte le soluzioni per gestire le impennate di traffico sul sito

Sono scenari da evitare il più possibile, e quindi come prevenirli? 

Oggi le piattaforme tecnologiche SaaS permettono una scalabilità e una stabilità senza limiti e sono la soluzione migliore per gestire questo tipo di carichi.

Software-as-a-Service, o servizi applicativi cloud, è la forma più completa di servizi di cloud computing, ovvero piattaforme gestite da un provider tramite un browser web che fornisce aggiornamenti automatici, implementando le soluzioni più rapidamente dei sistemi on-premise. 

Altre best practice che garantiscono velocità di caricamento sono servizi CDN (Content Delivery Network) letteralmente una rete per la consegna dei contenuti multimediali. Più in specifico, si tratta di una diramazione di server geograficamente distribuita che ha la funzione di diminuire la distanza fisica tra il server e l’utente per il caricamento di file pesanti. Molte piattaforme di hosting offrono opzioni di CDN integrate o add-on.

Altro suggerimento è attivare servizi di cache che riducono il carico sui server e rendono i contenuti immediatamente disponibili alle richieste degli utenti. Quando è necessario l’accesso ad un dato, una copia di questo viene prima cercata nella cache: se è presente e valida, viene utilizzata tale copia. Questo riduce il carico di lavoro del server e abbassa il TTFB (time to first byte), ovvero il tempo necessario per ricevere il primo byte nel browser.

Per tenere sotto controllo la situazione durante le giornate di traffico intenso al sito consigliamo anche di implementare strumenti di monitoraggio in tempo reale. Gli strumenti più utilizzati sono NewRelic, Zabbix, Grafana. Questi tool forniscono una visione live, quindi istantanea e approfondita della rete, dell’ infrastruttura, e anche delle applicazioni permettendovi di analizzare eventuali criticità e attivare subito delle azioni correttive. Alcuni di questi strumenti possono essere associati a servizi di AI che analizza dati storici e propone pianificazioni mirate.

Altra cosa da fare per prevenire eventuali criticità durante i picchi di traffico è un test anticipato delle risorse. Ci sono diversi tool disponibili per testare la velocità di un sito web e scovare potenziali cause di rallentamenti di pagina quali ad esempio immagini pesanti, script o domini di terze parti. Un test anticipato ed un eventuale fix dei problemi renderà le pagine web più stabili e veloci.

Infine, un occhio alla sicurezza: per preservare la funzionalità del sito è importante proteggerlo da attacchi DDoS (Distributed Denial of Service), un tipo di attacco informatico che tenta di rendere non disponibile un sito o una risorsa di rete sovraccaricandoli con traffico dannoso e rendendoli, così, inutilizzabili. Per gli utenti reali non è più possibile consultare le listing page o acquistare i prodotti.

È quindi molto importante fare un check up completo del proprio sito ecommerce in previsione di picchi di traffico come quelli del periodo prenatalizio, ricco di promozioni a tempo e di impennate di acquisti.

Hai sperimentato rallentamenti o problemi nel tuo sito e vuoi metterti al sicuro in vista degli prossimi aumento di traffico?

Ti è piaciuto il nostro articolo?

DILLO AI TUOI AMICI!

Articoli Correlati